Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Un gasdotto Russia-Italia potrebbe non essere utopia
26/02/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

La pipeline è infatti meno costosa da realizzare, il che non guasta nell’attuale fase di gravi difficoltà per l’industria del settore. Questo non è comunque il suo principale punto di forza. Ce ne sono almeno altri due.  Il primo: il nuovo gasdotto, inglobando il vecchio progetto Itgi Poseidon di Edison e Depa, godrebbe non solo di un risparmio economico ma potrebbe evitare una lunga serie di adempimenti, non facili da ottenere. Itgi Poseidon ha già tutte le autorizzazioni necessarie, persino per l’approdo sulle coste pugliesi, che ha fatto tanto penare Tap. Anche gli accordi intergovernativi in Italia, Grecia e Turchia sono fatti. E la Commissione europea ha dato il suo appoggio all’infrastruttura, sia pure in un contesto molto diverso, perché doveva servire ad attenuare la dipendenza dalla Russia. Il secondo aspetto da considerare è che tutte le parti coinvolte avrebbero qualcosa da guadagnare. Mosca, perché anche con l’eventuale raddoppio di Nord Stream, verso la Germania, ha comunque bisogno di una rotta sud per il gas, in modo da difendere la presenza sul mercato europeo. La Turchia, perché volente o nolente non può rinunciare al gas russo, che ora soddisfa il 60% del suo fabbisogno: i suoi consumi crescono vertiginosamente e non ci sono altri fornitori in grado di soddisfarli a breve. Anche per l’Italia e la Grecia sarebbe un’utopia pensare di affrancarsi dalle forniture di Mosca. Il nostro Paese in particolare l’anno scorso (anche per motivi di convenienza economica) ha aumentato di oltre il 10% gli acquisti da Gazprom, importando dalla Russia oltre metà del gas: 24,4 miliardi di metri cubi, che ci sono arrivati tutti via Ucraina.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & mercati

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]