Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gasdotto Algeria, quest'anno prenotato il 44% della capacità
01/09/2020 - Pubblicato in news nazionali

Dopo le rinegoziazioni del 2019, che hanno portato i tre importatori storici a dimezzare i loro volumi annuali, e le successive offerte di capacità per periodi fino a 10 anni nell'estate dello stesso anno, la capacità prenotata sul gasdotto Ttpc-Transmed che porta in Italia il gas algerino, è scesa nel 2020 al 44% della capacità tecnica totale per durate tra uno e otto anni, contro il 98% degli anni precedenti. In particolare sono cinque gli shipper che hanno stipulato contratti di trasporto con la jv paritetica tra Eni e Sonatrach Tmpc, che possiede e gestisce l'infrastruttura: i tre maggiori sono Eni, Enel. Con analogo decreto, di pari data, il Mise ha accordato le medesime deroghe al gasdotto Greenstream, che porta in Italia il gas libico. In questo caso dal provvedimento si legge che dall'ottobre del 2015 presso gli impianti in Libia è stato attuato un nuovo assetto di funzionamento per cui circa 5 degli 11 mld mc di capacità di compressione totale delle centrali di spinta del terminal libico di Mellitah, utilizzate per inviare in Italia il gas prodotto dai giacimenti offshore di Bahr Essalam e onshore di Wafa, "è dedicata alla compressione del gas verso il mercato libico", attraverso il gasdotto realizzato nel 2014-2015 per alimentare alcune centrali termoelettriche sulla costa. Restano quindi 6 mld mc/a per alimentare il Greenstream e il mercato italiano. Nel caso dell'Algeria, il decreto sottolinea anche come, a fianco delle allocazioni di lungo periodo e di quelle annuali, si stata prevista a partire dallo scorso inverno la possibilità anche di allocazioni eccezionali di capacità in casi emergenza per la sicurezza delle forniture italiane.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Grigio, blu o verde. I conti in tasca all’idrogeno arcobaleno

Pronti, via, anche l’Italia entra ufficialmente nella partita dell’idrogeno
[leggi tutto…]

Gas Intensive, "la battaglia sullo spread di prezzo è alla fase decisiva"

Intervista a Paolo Culicchi, voce storica dell'industria manifatturiera e energy intensive italiana e presidente del consorzio dei grandi consumatori di gas Gas Intensive
[leggi tutto…]

L’industria del gas taglia le emissioni di metano

La direzione è stata messa nero su bianco nella Strategia Ue presentata a ottobre che fissala road map per ridurre le emissioni di metano sia nel Vecchio Continente che a livello internazionale
[leggi tutto…]