Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gasdotti Italia a Macquarie, via libera definitivo
23/09/2016 - Pubblicato in news nazionali

Si è concluso il passaggio di Società Gasdotti Italia da Eiser Infrastructure Partners a Sole Bidco, controllata di Macquarie e Swiss Life Asset Managers. SGI detiene e gestisce una rete integrata di gasdotti per gas naturale ad alta pressione per una lunghezza di circa 1.500 km (oltre il 4% della rete italiana). L'accordo preliminare sottoscritto all'inizio dell'anno era subordinato all'autorizzazione europea antitrust e dalle procedure "golden power" del Governo italiano – condizioni entrambe soddisfatte. Commentando l'accordo, Hans Meissner, managing partner di Eiser, ha dichiarato: “Siamo lieti di aver concluso la vendita e confidiamo nel fatto che i nuovi titolari proseguiranno una gestione stabile di questa importante attività infrastrutturale per l'Italia. Eiser ritiene che SGI resti una società gestita in modo eccellente con una forte posizione sul mercato italiano. Eiser, alla fine del 2015, ha ritenuto che le condizioni di credito favorevoli, combinate alla scarsità di questo tipo di opportunità d'investimento, rappresentassero un momento favorevole per una cessione di SGI, in particolare per gli investitori nell'Eiser Global Infrastructure Fund”.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]