Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas, il Tap ridurrà lo spread Italia-Ue (danneggiando l'Eni)
10/04/2019 - Pubblicato in news internazionali

Il 2018 è stato un anno positivo per il business gas di Eni, tra crescita della domanda Ue, phase out di impianti a carbone, debolezza del nucleare e ridotta pressione competitiva del Gnl. Tuttavia per i prossimi anni l'outlook del Gruppo nel gas è debole, anche per la previsione di un atteso restringimento del differenziale di prezzo tra Italia e Olanda in particolare con l'avvio del Tap. Sul fronte dell'offerta di Gnl, Eni prevede che “dopo una temporanea riduzione delle forniture dovuta all'aumento della domanda asiatica e al rallentamento delle decisioni di investimento in nuovi progetti durante la fase negativa, le forniture di Gnl ricominceranno a premere sui mercati europei, per via di un previsto raffreddamento della domanda in Far East e dell'entrata in esercizio di nuova capacità”. Ancora, potrebbero accrescere l'offerta anche “nuovi gasdotti in fase di valutazione”, riferimento verosimilmente ai vari progetti Eastmed, Turkish Stream, in aggiunta naturalmente al Nord Stream 2. Gli sviluppi citati si prevede “aumenteranno la liquidità del mercato e metteranno sotto pressione lo spread tra i prezzi spot del gas agli hub del Nord Europa”, che sono il principale parametro per l'indicizzazione dei contratti di approvvigionamento Eni, “e i prezzi del mercato spot in Italia”, che invece è il principale mercato finale di sbocco per il gas del gruppo.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]