Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il gas dà la spinta alla crescita: due miliardi di Pil e 27mila addetti
26/07/2018 - Pubblicato in news nazionali

Le imprese del Gpl hanno deciso di dissipare alcuni luoghi comuni. Abituate a suffragare le loro scelte con l’esattezza di dati e con l’appoggio di risultanze scientifiche, hanno affidato agli analisti di Ernst&Young l’incarico di delineare il loro ritratto economico, un ritratto dipinto con il pennello fine. E (sorpresa) il dipinto mostra un volto inatteso. «Per molti, per i consumatori e per i decisori politici, noi siamo quelli delle bombole del gas sotto al lavello della vecchia cucina e quelli del “bombolone” bianco fuori dalla villetta, ma abbiamo scoperto che questo è un aspetto vero ma limitatissimo del nostro settore: ci siamo accorti che rappresentiamo un’industria importante che genera ­2miliardi di Pil l’anno, che dà impiego a ­27mila addetti fra diretti e correlati, che paga alle casse dello Stato non solamente le tasse ma anche milioni di euro di accise petrolifere», avverte Francesco Franchi, presidente di Assogasliquidi, l’associazione di Federchimica che raccoglie le maggiori aziende italiane. Ma il peso reale è assai più lusinghiero. Per esempio l’industria del Gpl e dei gas liquefatti (come il Gnl e il metano compresso) è un’alleata formidabile di una delle industrie made in Italy più richieste al mondo, cioè i costruttori di valvole di altissima qualità il cui polo produttivo novarese è invidiato in tutto il mondo.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Jacopo Giliberto (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Riad mobilita le riserve per evitare il caro-petrolio

Oltre alle questioni relative alla sicurezza sono gli effetti economici e finanziari provocati dall’attacco alle due raffinerie saudite a preoccupare la comunità internazional
[leggi tutto…]

Russia e Ucraina riaprono la partita delle forniture di gas

E’ in procinto di scadere il contratto decennale che regola il transito di gas russo attraverso l’Ucraina e l’UE
[leggi tutto…]

Snam cerca lo sbarco negli Usa. Nel mirino c’è il gasdotto Rover

Dopo il consolidamento in Europa e l’approdo in Cina, Snam accende un faro sugli USA dove la domanda di gas crescerà al ritmo del 2% annuo da qui al 2030
[leggi tutto…]