Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas sempre più caro, in tre giorni +50% sul mercato italiano
07/12/2017 - Pubblicato in news nazionali

I prezzi del gas in Italia si sono impennati di oltre il 50% questa settimana, arrivando a superare 35 euro per Megawattora sul mercato spot del Punto di scambio virtuale (Psv). I rialzi sono legati alla recente ondata di freddo, ma anche a difficoltà di rifornimento, che hanno spinto il ministero dello Sviluppo economico a decretare lo «stato di pre-allarme». Si tratta del primo livello di crisi in una scala che in teoria – passando per l’«allarme» vero e proprio – può arrivare fino all’«emergenza». Comunque le temperature rigide non sono l’unico problema per il gas. In realtà la colonnina di mercurio è scesa in una fase in cui il nostro sistema di importazione non funziona come dovrebbe. Il gasdotto Tenp – che porta in Italia le forniture dal Nord Europa dal punto di ingresso di Passo Gries, al confine con la Svizzera – funziona con capacità dimezzata a causa di un lungo programma di manutenzione, che è cominciato lo scorso settembre e che durerà secondo le previsioni di Fluxys fino a marzo 2019. I nostri stoccaggi fortunatamente sono pieni. Ma l’inverno è appena cominciato e secondo regole introdotte proprio per migliorare la sicurezza del sistema ci sono tetti massimi di prelievo sia su base giornaliera che mensile, in modo da non consumare le scorte prima della bella stagione. Il governo può imporre deroghe, ma non in questa fase che è solo di «pre-allarme».

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 40)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]