Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Col gas che va a picco Gazprom accelera su Nord Stream 2
10/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

Alle prese con un mercato che non è mai stato così difficile, Gazprom accelera sul progetto Nord Stream 2, con cui conta di raddoppiare la capacità di esportazione via Germania, a 110 miliardi di metri cubi l’anno. Lunedì si chiuderà la prima gara per la realizzazione dell’opera, che il colosso russo ha bandito nonostante l’opposizione della Commissione Ue: una commessa importante – del valore di almeno un miliardo di dollari, addirittura 4 miliardi secondo indiscrezioni riportate dai media russi – per cui l’italiana Saipem è in pole position. Per i russi – che detengono il 51% del consorzio che realizzerà Nord Stream 2 – la fretta è probabilmente dettata dalle difficili condizioni di mercato. A fine maggio il prezzo contrattuale che Gazprom riceve per il suo gas è crollato ai minimi dal 2004, secondo il Fmi: 3,99 dollari per milione di British thermal units, ossia circa 140$ per mille metri cubi, per consegna alla frontiera con la Germania. Si tratta di circa il 20% in meno rispetto al prezzo del combustibile sul mercato britannico, uno sconto – osserva Bloomberg – mai così ampio da aprile 2008.

Fonte: Il Sole 24Ore – Sissi Bellomo (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]