Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas Natural, su vendita Italia verso spezzatino rete-clienti
16/09/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Conto alla rovescia per la cessione degli asset italiani di Gas Natural che grazie all’operazione potrebbe realizzare un incasso vicino a 1 miliardo e dunque una consistente plusvalenza in capo al bilancio della controllante spagnola. Negli ultimi giorni aveva preso consistenza l’ipotesi di un’offerta oer tutto il pacchetto da parte del fondo cinese Shanghai DaZhong, che sul dossier è assistito da Macquarie. Tuttavia la candidatura avrebbe perso consistenza nelle ultime ore. Piuttosto, per quanto riguarda i singoli asset, sui clienti che fanno capo a Gas Natural Vendita Italia, si annuncia una lotta serrata tra due big come Edison ed Engie con A2A più defilata. Sul mercato si ipotizzano offerte che potrebbero oscillare tra 200 e 250 milioni di euro. Sulla distribuzione gas, che fa capo a Negdia spa e nel bilancio spagnolo vale 381 milioni, si prospetta un testa a testa tra Italgas e 2i Rete Gas. Per quanto riguarda gli altri asset, cioè il progetto per il rigassificatore di Trieste, la holding servizi e la fornitura gas ventennale che dovrà passare dal Tap gli esperti stiamo un valore molti ridotto visto che si tratta di progetti sulla carta. È plausibile, tuttavia, che nel caso di uno spezzatino Gas Natural chiederà ai vari acquirenti di rilevare anche questi asset, anche per evitare problemi ed esuberi a livello occupazionale.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Cheo Condina (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Parola d’ordine: decarbonizzare. La ricerca cerca soluzioni adatte

Le aziende petrolifere puntano sulla ricerca per ridurre l’impatto sul clima
[leggi tutto…]

Edison firma accordi per il gasdotto Igb

Prende forma il gasdotto Igb tra Grecia e Bulgaria che verrà realizzato da Edison tramite Igi Poseidon
[leggi tutto…]

Elettrico e gas alleati per decarbonizzare l’Italia in sicurezza

L’obiettivo è la decarbonizzazione dell’economia, per farlo servono a livello globale 3 miliardi di dollari l’anno da qui al 2050.
[leggi tutto…]