Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas lanciato verso prezzi negativi in Europa, il Qatar sfida gli altri fornitori
23/05/2020 - Pubblicato in news internazionali

Un crollo del gas a prezzi sotto zero potrebbe essere imminente in Europa. La fine della paralisi da coronavirus e il calo delle forniture non sono servite a risollevare il mercato, che anzi continua a indebolirsi al punto che sul principale hub- il Tft olandese – il combustibile è arrivato a scambiare vicino a 2 euro per Megawattora al Tft, perdendo due terzi del valore rispetto ai livelli già molto depressi di un mese fa. Di questo passo ci vuole davvero poco per spingerlo in terreno negativo: un giorno festivo assolato e ventoso, ad esempio, in cui i consumi ridotti si abbinano a un boom di generazione da rinnovabile. Per il petrolio, la situazione si è capovolta in fretta: il Wti, che  un mese fa era scivolato fino a -40 dollari al barile, oggi sfiora 33$. Il Brent è più che raddoppiato rispetto ai minimi e ora scambia intorno a 35$. Il rally ha lasciato indifferente il mercato del gas, che pure un tempo veniva influenzato dai corsi del petroli. I ribassi sono anzi addirittura accelerati, nonostante l’uscita dal lockdown e i tagli di produzione che stanno arrivando. Quanto agli Usa, ora si prospetta un vero e proprio crollo delle forniture di Gnl. Oltre alle cancellazioni e alla riduzione della produzione, non c’è più convenienza a esportare.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]