Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas, l'Iran punta a rimpiazzare la Russia
25/07/2015 - Pubblicato in news internazionali

I due giorni di Conferenza a Vienna sembrano essere andati molto bene per l'Iran. Reza Nematzedeh, il ministro di industria, risorse minerarie e commercio, ha precisato però che Teheran non vuole essere solo un importatore di beni provenienti dall'occidente. “L'Iran non è lo stesso mercato di dieci anni fa e quindi non vogliamo più una unidirezionale importazione dei beni e dei macchinari dall'Europa. Vogliamo anche esportare, per questo l'Iran intende unirsi al Wto appena le sanzioni saranno sollevate”. Quanto all'Oil&Gas, Teheran intende aumentare la propria produzione di gas da 700 milioni di metri cubi al giorno a 1,1 miliardi di metri cubi al giorno entro il 2017 e proporsi all'Europa come una valida alternativa alla Russia. Il vice ministro del petrolio iraniano, Amir Hossein Zamaninia ha anche detto di aver identificato 50 progetti oil&gas, per un valore complessivo di 185 miliardi di dollari, che dovrebbero essere avviati entro il 2020”. Alla conferenza tuttora in corso a Vienna, hanno partecipato molte compagnie petrolifere internazionali, tra cui BP, Shell e Total.

Fonte: Staffetta Quotidiana 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]