Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas: in Cina atteso boom di cicli combinati nei prossimi 5 anni
16/12/2020 - Pubblicato in news internazionali

Nei prossimi cinque anni la capacità di generazione a gas della Cina aumenterà probabilmente di un 50% con l'aggiunta di 40-50 GW di cicli combinati per consentire il raggiungimento degli obiettivi intermedi di decarbonizzazione del Paese, ma sarà una fase transitoria se il Paese dovrà raggiungere il target annunciato di emissioni zero al 2060. Lo evidenzia il numero 80 della serie Energy Insight dell'Oxford Institute for Energy Studies, a firma Yan Qin, reseach associate presso Oies e Refinitiv. Nel 2019 il gas ha rappresentato solo un 3,2% del mix elettrico cinese contro il 62% del carbone. Col 14° Piano quinquennale lo scenario dovrebbe cambiare e sono prevedibili incentivi e condizioni regolatorie favorevoli per la generazione a gas, che per contribuire all'obiettivo del picco di emissioni di CO2 al 2030 annunciato da Pechino, potrebbe raggiungere nel 2025 i 140-150 GW di capacità installata, con una crescita del 40-50% anche della domanda di gas per il termoelettrico a 75-80 miliardi di mc. Complessivamente la domanda cinese di gas nel 2019 è stata di 306,4 mld mc, è attesa intorno ai 320 nel 2020 e potrebbe quasi raddoppiare a 550-600 mld mc entro il 2030, scrive Yan, aggiungendo che non è al momento scontato se il fabbisogno incrementale verrà coperto con nuove importazioni o con un aumento della produzione interna, che nel 2019 ha coperto circa il 57% della domanda e che secondo le previsioni di PetroChina potrebbe raggiungere da sola i 520 mld mc nel 2035 tra ricorse convenzionali, non convenzionali e gas di sintesi da carbone.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]