Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas, Antitrust boccia corridoio liquidità previsto da Strategia nazionale
08/01/2018 - Pubblicato in news nazionali

Il parere negativo è stato inviato al governo e al Parlamento e pubblicato sul sito dell‘organismo di controllo. L‘idea del corridoio è contenuta nel documento governativo Strategia energetica nazionale (Sen) e punta a ridurre il differenziale di prezzo del gas tra il mercato interno e i mercati del Nord Europa, intervenendo sui costi di trasporto lungo la direttrice di adduzione del sistema di gasdotti internazionali Tenp-Transitgas. L'Autorità segnala che Sen prevede che si incarichi un soggetto “regolato di acquisire a prezzo pieno la capacità di trasporto dai detentori della medesima sulle varie tratte del predetto sistema di gasdotti e rivenderla su base ‘bundled’, cioè integrando i servizi delle varie tratte successive, attraverso aste che possano arrivare anche a remunerare al soggetto regolato il solo costo marginale del trasporto”. Le eventuali perdite verrebbero coperte con un “apposita componente tariffaria a carico dei consumatori”. In sostanza, il soggetto incaricato dovrebbe acquistare i diritti di trasporto dalle varie società - i produttori di gas o i proprietari dei gasdotti - ai prezzi massimi e poi rivenderli in asta compensando eventuali perdite a spese dei consumatori.
Il governo ha stimato un potenziale risparmio sul prezzo del gas fra i 100 e i 600 milioni. Ma secondo l‘Antitrust, non solo non sarebbe certo il risparmio, ma si potrebbe incorrere in una procedura di infrazione per aiuti di Stato da parte della Ue se per gestire il corridoio venisse selezionata Snam.
L‘Autorità fa presente che il progetto prevede costi certi per i consumatori finali a fronte di benefici incerti e comunque non omogenei per le varie categorie di utenti finali. Se poi la gestione dei diritti fosse affidata a Snam “ne potrebbero risultare violati i principi dell’unbundling”, secondo i quali il gestore della rete non deve svolgere compiti tipici di soggetti attivi in mercati posti a monte o a valle nella medesima filiera produttiva.
E questo, conclude l‘Antitrust, “richiederebbe una attenta verifica della compatibilità della misura con la regolazione comunitaria di settore”.

 

Fonte: Reuters

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Carbone, “la Cina annulla gli sforzi mondiali”

La Cina è ormai da anni al primo posto nelle fonti rinnovabili, con investimenti che l’anno scorso hanno superato i 100 miliardi di dollari.
[leggi tutto…]

Ceer-Acer, le raccomandazioni per la nuova legislazione gas

Aggiornare la legislazione e la regolazione comunitaria sul gas per facilitare la decarbonizzazione del settore energetico, promuovere un mercato interno dell’energia competitivo e massimizzare le opportunità del sector coupling
[leggi tutto…]

Green new deal, la Speranza per il futuro

La Banca europea per gli investimenti ha approvato la nuova politica per l’energia.
[leggi tutto…]