Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas americano diretto alla Cina
04/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il flusso di Gnl americano trasportato via nave attraverso il canale di Panama è destinato a crescere molto rapidamente. Anzi sta già crescendo, mostrando al mondo e alla Russia la sempre maggiore forza a stelle e strisce nel campo dell’energia. Jorge Quikano, vertice della Panama Canal Authority, alla Reuters aveva confermato che nel 2017 sono stati in totale 6 milioni le tonnellate di gas naturale liquefatto che hanno attraversato l’infrastruttura centro-americana. Per il 2018 sono previste in transito per il canale di Panama 11 milioni di tonnellate di gas americano, 20 milioni quelle previste per il 2019. Per il 2020, il volume dovrebbe toccare le 30 milioni di tonnellate. A incentivare il flusso di Gnl nel canale di Panama sono due fattori importanti e concomitanti: la maggiore disponibilità di gas da parte degli Usa e l’aumento della domanda di gas naturale di paesi come la Cina. Gli esportatori statunitensi stano già sollecitando gli acquirenti cinesi, mentre Pechino inizia a diversificare le importazioni dall’Australia e dal Qatar, attualmente i suoi fornitori primari. Intanto c’è già un primo contratto: PetroChina acquisterà gas dall’americana Cheniere Energy.

Fonte: ItaliaOggi – Giusy Caretto (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]