Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gare gas, riavviare la macchina
04/03/2017 - Pubblicato in news nazionali

“La macchina sta davvero partendo”, scrivevamo a gennaio 2016 dopo la pubblicazione dei primi 14 bandi di gara per la distribuzione gas. Abbiamo peccato di ottimismo, e di molto. Oltre un anno dopo, la macchina (miliardaria) pare assai più in panne e il settore è di nuovo a interrogarsi su come farla ripartire. Nell'ultimo anno e più il quadro dei bandi non è cambiato molto: quelli pubblicati sono saliti a meno di una ventina, per un valore stimato degli affidamenti di oltre 3 miliardi di euro e un valore di riscatto di oltre 2 miliardi. Finora, secondo il calendario Mise, pur più volte ritoccato in avanti, avrebbero dovuto essere più di 80. Di quelli usciti inoltre, buona parte sono stati rinviati, alcuni ritirati o congelati, praticamente tutti impugnati. Uniche eccezioni forse Milano (dove è in campo una sfida assai aspra tra 2i Rete Gas e l'incumbent A2A) e Torino 2. Due bandi che secondo Italgas potrebbero rivelarsi apripista per le altre gare, ma perfino essi non esenti da rinvii. Il quadro complessivo a 17 anni dal Dlgs Letta, insomma, è ancora di un'attesa sine die e non è un caso. I rinvii nascondono un problema più profondo e lo stallo, si può dire, ha almeno quattro protagonisti: aziende, Mise, Autorità e enti locali (cinque coi sindacati). Col legislatore sollecitato da tutti a trovare una soluzione.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Tariffe gas Germania, Crippa: “Rischio alterazione concorrenza”

Il Governo prende posizione sulla spinosa questione della tariffe di trasporto gas tedesche
[leggi tutto…]

Trasporto gas, Francia proroga tariffe ai punti di interconnessione

L'authority francese per l'energia, Cre, ha stabilito di prorogare di sei mesi la validità delle tariffe di trasporto gas ai punti di interconnessione delle reti transalpine di GRTgaz e Terega (Snam)
[leggi tutto…]

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]