Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Dal G20 spinta ad una maggiore collaborazione nel campo dell'energia
18/11/2015 - Pubblicato in news internazionali

Nei 27 punti del comunicato diffuso lunedì sera al termine del G20 che si svolto ad Antalya in Turchia il 15 e il 16 novembre due, il 22 e il 23, sono dedicati all'energia e uno, il 24, al cambiamento climatico. Sull'energia i leader del G20 ribadiscono la necessità di concentrarsi sui principi di collaborazione già ribaditi in passato e apprezzano il fatto che per la prima volta, dopo il G20 di Brisbane in Australia, ci sia stata una riunione dei ministri dell'Energia dei paesi membri. Il punto 22 del comunicato ribadisce la necessità di implementare il Piano di azione sull'accesso all'energia, cominciando dalla prima fase relativa all'Africa subsahariana dove il problema dell'accesso all'elettricità si presenta in forme particolarmente acute. Nel punto 23 del comunicato si rileva invece che gli interventi in campo energetico, inclusi quelli mirati a migliorare l'efficienza energetica, ad aumentare gli investimenti nelle tecnologie dell'energia pulita e a sostenere le attività di ricerca e sviluppo avranno un ruolo importante nell'affrontare i problemi e gli effetti del cambiamento climatico. Da qui il via libera del G20 al pacchetto di opzioni volontarie per lo sviluppo delle energie rinnovabili.

Fonte: Staffetta Quotidiana 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]

Riad: <<Chi punta contro il petrolio si farà male>>

Da un lato la domanda di petrolio che fatica a recuperare i livelli pre Covid, dall’altro le disciplina sui tagli di produzione che dopo mesi di estremo rigore è tornata a vacillare.
[leggi tutto…]