Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Il futuro è nel gas e nelle rinnovabili”

Claudio Descalzi, amministratore delegato del gruppo energetico Eni, ieri pomeriggio al Teatro Odeon di Firenze, di fronte a 700 studenti delle scuole superiori che partecipano al progetto dell’Osservatorio permanente Giovani-Editori guidato da Andrea Ceccherini ha ribadito che è fondamentale fermare il cambiamento climatico globale e dunque le emissioni in atmosfera; è necessario ridurre l’uso dell’inquinante carbone e puntare sulle energie rinnovabili; bisogna fare in modo che Paesi ricchi di energia come l’Africa non la esportino tutta, alimentando il gap tra chi ha e chi non ha risorse. Proprio con riferimento all’Africa ha affermato che si tratta di «Un Paese in cui mancano cibo e benessere ma ci sono gas, petrolio e sole che però non creano sviluppo». Con un risultato paradossale, secondo il manager: l’Africa è diventata sempre più povera, ma anche l’Europa che importa energia si è indebolita, perché ha speso moltissimo in rinnovabili, ha aumentato l’uso del carbone e diminuito quello del gas. Tutto il contrario di quello che Descalzi professa come strategico: «Il futuro è nel gas e nelle rinnovabili, dobbiamo avere politici coraggiosi che puntano su queste due fonti energetiche per non pregiudicare il futuro». Invece finora è stata scelta la fonte energetica più economica: e siccome i prezzi del carbone e delle fonti fossili sono scesi, il mercato libero ha spinto la risorsa meno costosa.

Fonte: Il Sole 24Ore – Red. (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]

Trading gas in discesa al Psv

Nonostante le temperature inferiori alla media stagionale, il trading di gas al Punto di scambio virtuale (Psv) ha mostrato ad aprile la consueta battuta d’arresto primaverile
[leggi tutto…]

Aumenta l’export di gas USA nella UE

Le importazioni di gas naturale liquefatto (gnl) americano sono balzate del 272% da quando Trump e il Junker hanno segnato una tregua nel luglio 2018 prevedendo di potenziare gli scambi
[leggi tutto…]