Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il future cinese sul petrolio tenta i colossi internazionali
27/03/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il debutto dei futures cinesi sul petrolio ha superato le attese più ottimiste. Il primo giorno di contrattazioni ha visto scambi per oltre 20 milioni di barili, con volumi che in apertura (mentre l’Occidente dormiva) hanno persino superato quelli del Brent. Da subito c’è stata una partecipazione attiva da parte di colossi internazionali del trading, tra cui Glencore, Trafigura e Mercuria. E addirittura una major straniera avrebbe già accettato di sottoscrivere con Unipec, braccio commerciale della cinese Sinopec, il primo contratto di fornitura di greggio con prezzi indicizzati al benchmark di Shanghai: secondo fonti Reuters, sarebbe stata l’anglo-olandese Royal Dutch Shell ad aprire la strada che in futuro – se verrà percorsa anche da molti altri – potrebbe davvero portare all’affermazione del petroyuan.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

CO2, il balzo dei prezzi dei permessi di emissione nel 2019

Nel 2019 bastava un prezzo della CO2 di meno di 12 euro la tonnellata per rendere più conveniente la generazione a gas rispetto a quella a carbone. Nel 2019 il “prezzo” della CO2 (dei permessi Ets) è stato molto più alto,
[leggi tutto…]

Di Maio e tariffe gas Austria, interrogazione di Leu e +Europa a Conte

È urgente e fondamentale capire esattamente quale sia la posizione che il Governo italiano intende assumere rispetto al tema costi di importazione del gas naturale da altri paesi dell'Unione europea
[leggi tutto…]

Primi carichi di Gnl Usa respinti in Europa

L’Europa sembrava in grado di assorbire ogni eccesso di gas liquefatto
[leggi tutto…]