Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Frenano petrolio e Cina, borse giù
02/02/2016 - Pubblicato in news internazionali

Febbraio inizia con lo stesso passo di questo 2016 finora decisamente difficile per i mercati finanziari. Il problema principale, al di là della fredda successione dei numeri, è che i motivi alla base dei movimenti di ieri sono gli stessi che hanno caratterizzato il disastroso mese di gennaio: i timori per una frenata dell'economia globale (innescata dalla Cina) e il crollo del prezzo del petrolio. Termi che si sono puntualmente riproposti ieri nel momento in cui le autorità di Pechino hanno diffuso i deludenti indici dei direttori degli acquisti (Pmi, purchasing manager index) del settore manifatturiero, che scendendo a 49,4 punti in gennaio segnalano la contrazione più accentuata dall'estate del 2012 per la seconda economia mondiale. E soprattutto quando nel pomeriggio il prezzo del barile di greggio Wti ha accentuato la sua discesa lasciando sul terreno quasi il 6% e tornando così sotto i 32 dollari.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Maximilian Cellino (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Oil, cinema e reti gas, dove la Cina apre (ma non troppo)

Aperture nella manifattura avanzata, nel settore estrattivo, nei trasporti e nell’intrattenimento entreranno in vigore in Cina dal 30 luglio.
[leggi tutto…]

La guerra delle petroliere. Londra minaccia Teheran

Stessa scena del 4 luglio, ma stavolta sono i pasdran mascherati che da un elicottero atteranno sulla petroliera britannica e sequestrano la nave che aveva appena varcato lo stretto di Hormuz.
[leggi tutto…]

Eni, dal Parlamento tunisino ok ad accordo per diritti di transito Ttpc

Il Parlamento tunisino ha ratificato l’accordo con Ttpc, controllata di Eni, per il transito attraverso il Paese nordafricano del gas di provenienza algerina.
[leggi tutto…]