Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Frenano petrolio e Cina, borse giù
02/02/2016 - Pubblicato in news internazionali

Febbraio inizia con lo stesso passo di questo 2016 finora decisamente difficile per i mercati finanziari. Il problema principale, al di là della fredda successione dei numeri, è che i motivi alla base dei movimenti di ieri sono gli stessi che hanno caratterizzato il disastroso mese di gennaio: i timori per una frenata dell'economia globale (innescata dalla Cina) e il crollo del prezzo del petrolio. Termi che si sono puntualmente riproposti ieri nel momento in cui le autorità di Pechino hanno diffuso i deludenti indici dei direttori degli acquisti (Pmi, purchasing manager index) del settore manifatturiero, che scendendo a 49,4 punti in gennaio segnalano la contrazione più accentuata dall'estate del 2012 per la seconda economia mondiale. E soprattutto quando nel pomeriggio il prezzo del barile di greggio Wti ha accentuato la sua discesa lasciando sul terreno quasi il 6% e tornando così sotto i 32 dollari.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Maximilian Cellino (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi in aumento. Le tensioni sulla Brexit e in Siria aumentano la volatilità

Le quotazioni del petrolio hanno inanellato due sedute positive, nonostante il rafforzamento del dollaro sull'euro.
[leggi tutto…]

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]