Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Francia stacca le centrali nucleari e l’Italia aumenta l’export di energia
23/10/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Parigi ha dovuto aumentare la sua quota di energia importata, una situazione di cui si è avvantaggiata l’Italia che ha potuto esportare magawatt di gas come mai in passato. Sarà stato il freddo improvviso che è arrivato in centro Europa o il fatto che alcune delle centrali atomiche della Francia sono ferme per manutenzione, fatto sta che la Francia che basa il 90% della sua produzione elettrica sull’atomo, si è trovata in una situazione di crisi. Il prezzo che si aggirava intorno a 35 euro megawattora, ora è passato a un massimo di 70 euro per assestarsi, nelle due ultime settimane, a 60 euro come media giornaliera. Inevitabile dunque ricorrere alle importazioni, in primis l’Italia per le nuove interconnessioni realizzate da Terna negli ultimi anni. Per le famiglie e le imprese italiane, la situazione che ci vede in credito con la Francia dovrebbe durare per mesi per fare in modo di avere ricadute positive nelle bollette degli italiani.

Fonte: La Repubblica – Luca Pagni (pag. 29)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]

La Cina respinge carichi di Gnl e manda a picco i prezzi del gas

Forza maggiore. È questa la nuova nemesi che dalla Cina si è abbattuta sul settore del gas, già messo alla prova da climate change, guerre commerciali ed eccessi produttivi.
[leggi tutto…]