Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Francia, Snam studia l’energia rinnovabile per la rete del gas
08/01/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Lo scenario di fondo è la transizione energetica e la possibilità di diversificare anche gli usi della rete del gas naturale. Sfruttando l’energia elettrica prodotta in eccesso da fonti rinnovabili intermittenti come il sole e il vento attraverso il cosiddetto “power to gas”, una tecnologia che consente di produrre gas sintetico partendo da tale eccedenza e trasformandola in idrogeno, grazie al processo di elettrolisi. Idrogeno che, a sua volta, può essere introdotto direttamente in rete oppure combinato con l’anidride carbonica per essere convertito in metano, da far circolare nei gasdotti o, in alternativa, da stoccare localmente. O ancora, da usare come combustibile per l’autotrazione. È questa la strada battuta in Francia da Tigf, la partecipata transalpina di Snam, scesa in campo con altri otto partner industriali per lanciare il progetto-pilota di “power to gas”, Jupiter 1000, il primo nel paese di conversione dell’energia“ verde” connesso alla rete del gas e il primo dalle dimensioni così ragguardevoli: l’obiettivo, infatti, è raggiungere una potenza di 1 megawatt (per fornire elettricità a 150 famiglie). Una ventina di impianti dimostrativi sono già presenti in Europa, soprattutto in Germania, ma di piccola taglia. Per questo motivo, le aspettative su“ Jupiter1000” sono molto alte e il progetto consentirà di identificare e rimuovere i nodi tecnici, economici e normativi per fissare i futuri standard di produzione, tappa essenziale per la nascita di una filiera produttiva di gas da fonti “verdi” al 2030.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Celestina Dominelli (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam accompagna Pechino nella transizione verso la neutralità carbonica

Obiettivo decarbonizzazione. In Cina il percorso della transizione energetica, spinto negli ultimi anni dall’obiettivo di migliorare la qualità dell’aria, ha subito un’accelerazione negli ultimi mesi del 2020, con l’impegno
[leggi tutto…]

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]