Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I francesi si battono ancora contro l’Eni
11/07/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Il gruppo guidato da Claudio Descalzi ha annunciato che sono stati avviati nuovi pozzi nel più grande giacimento gas nell’offshore della Libia. Infatti Mellitah Oil&Gas, società operativa compartecipata paritariamente da Eni e Noc, ha avviato la produzione dal primo pozzo del progetto offshore Bahr Essalam Fase 2 a soli tre anni dalla Decisione Finale d’Investimento. Entro una settimana è prevista la messa di produzione di due ulteriori pozzi, mentre altri sette pozzi entreranno in produzione entro ottobre. La fase due del progetto completa lo sviluppo del più grande giacimento a gas in produzione nell’offshore libico, incrementando il potenziale produttivo di circa 400 milioni di piedi cubi di standard gas al giorno. La fase due sarà completata tra settembre e ottobre, portando la produzione totale del campo a 1.100 milioni di piedi cubi di standard gas al giorno. L’inversione di tendenza dell’Italia e dell’Eni, testimoniata dall’annuncio di due giorni fa, non fa impensierire la francese Total. Con il sostegno di Macro e del generale Haftar che comanda a Tobruk, il colosso parigino ha aumentato la sua presenza negli ultimi anni. E la compagnia parigina sarebbe ancora in piena offensiva.

Fonte: ItaliaOggi – Michele Arnese (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’uragano non scuote il petrolio

Disastri climatici nel mirino di governi e popolazioni. Anche i mercati monitorano la situazione, specie quando si parla di materie prime, le più sensibili a eventi del genere
[leggi tutto…]

Armi spuntate dell’Authority contro i rischi di altri aggravi

A fronte dell’impennata che ha fatto salire sia il prezzo all’imgrosso dell’elettricità che quello del gas al Psv, l’Autorità ha attivato una delle pochissime (e limitate) armi di cui dispone
[leggi tutto…]

La speculazione soffia sui rincari e anche la Ue ha le mani legate

La riforma del mercato europeo dei diritti di emissione ha offerto un’occasione d’oro agli speculatori (e alle imprese) che hanno saputo intuirne la portata
[leggi tutto…]