Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I francesi si battono ancora contro l’Eni
11/07/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Il gruppo guidato da Claudio Descalzi ha annunciato che sono stati avviati nuovi pozzi nel più grande giacimento gas nell’offshore della Libia. Infatti Mellitah Oil&Gas, società operativa compartecipata paritariamente da Eni e Noc, ha avviato la produzione dal primo pozzo del progetto offshore Bahr Essalam Fase 2 a soli tre anni dalla Decisione Finale d’Investimento. Entro una settimana è prevista la messa di produzione di due ulteriori pozzi, mentre altri sette pozzi entreranno in produzione entro ottobre. La fase due del progetto completa lo sviluppo del più grande giacimento a gas in produzione nell’offshore libico, incrementando il potenziale produttivo di circa 400 milioni di piedi cubi di standard gas al giorno. La fase due sarà completata tra settembre e ottobre, portando la produzione totale del campo a 1.100 milioni di piedi cubi di standard gas al giorno. L’inversione di tendenza dell’Italia e dell’Eni, testimoniata dall’annuncio di due giorni fa, non fa impensierire la francese Total. Con il sostegno di Macro e del generale Haftar che comanda a Tobruk, il colosso parigino ha aumentato la sua presenza negli ultimi anni. E la compagnia parigina sarebbe ancora in piena offensiva.

Fonte: ItaliaOggi – Michele Arnese (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]