Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sul Forties è “forza maggiore” ma i prezzi non decollano
15/12/2017 - Pubblicato in news internazionali

Le consegne di petrolio dal Mare del Nord potrebbero restare frenate a lungo, offrendo un involontario aiuto all’Opec. Ineos, la società proprietaria della rete di oleodotti del Forties, si è arresa a dichiarare lo stato di forza maggiore: un atto che fa sospettare la necessità di riparazioni complesse dopo la scoperta di una falla che da lunedì ha imposto la chiusura dei flussi. I mercati energetici tuttavia, dopo un’iniziale impennata dei prezzi, sono già tornati incredibilmente calmi. Al National Balancing Point (Mbp), l’hub britannico, il gas ha cancellato ogni rialzo accumulato da martedì, quando era salito ai massimi a 4 anni. La mancanza del greggio britannico non viene vista come un problema del mercato, che è tornato a concentrarsi sul timore di un’eccessiva crescita dello shale oil americano. L’Agenzia internazionale dell’energia (Aie), nel rapporto mensile pubblicato ieri, si è accordata all’Opec e all’Eia nell’alzare le previsioni sulla produzione Usa: una revisione che sposta per l’ennesima volta il traguardo di un riequilibrio tra domanda e offerta.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 42)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Libia, da oggi revocato lo stato di forza maggiore da porti e giacimenti

A partire dal 26 ottobre è stato revocato lo stato di forza maggiore in tutti i giacimenti e porti libici, dopo i blocchi messi in atto dal generale Haftar nel corso dell'anno.
[leggi tutto…]

Nord Stream, gli Usa estendono le sanzioni

Il dipartimento di Stato Usa ha esteso martedì il raggio delle sanzioni americane al progetto di gasdotto Nord Stream II
[leggi tutto…]

Idrogeno, Patuanelli punta sul tubo

A parte il colore , uno dei punti di frizione sulla questione degli incentivi per lo sviluppo dell'idrogeno è quella del trasporto
[leggi tutto…]