Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia
01/04/2020 - Pubblicato in news internazionali

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine firmato nel settembre 1996. Una nota di Pgnig spiega che il Tribunale ha imposto al gruppo russo il ricalcolo del prezzo sulla base di una nuova formula legata alle quotazioni di mercato in Europa occidentale. “Pgnig stima che Gazprom dovrà risarcire circa 1,5 miliardo di dollari, ovvero la differenza tra il prezzo calcolato sulla base della nuova formula e l’ammontare pagato da Pgnig dal 1° novembre 2014, data in cui Pgnig ha inviato a Gazprom la richiesta di revisione del contratto, al 29 febbraio 2020”, precisa la società polacca. Considerato che la decisione arbitrale è vincolante per entrambe le compagnie, ha aggiunto il presidente di Pgnig, Jerzy Kwieciński, “da questo momento il prezzo del gas si baserà sulla nuova formula di calcolo”. Kwieciński ha reso noto che il risarcimento di Gazprom sarà utilizzato da Pgnig per acquisire nuove riserve di idrocarburi e per sviluppare il mercato polacco del calore e fonti energetiche a zero emissioni.

Fonte: Quotidiano Energia

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]