Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Fondi in manovra sul greggio: petrolio ai minimi da tre mesi
26/07/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il petrolio che aveva già perso oltre il 4% la settimana scorsa, ha continuato a deprezzarsi nella seduta di ieri, scendendo nel caso del Brent fino a 44,55 dollari, un livello che non toccava dal 10 maggio e nel caso del Wti addirittura fino a 42,97 dollari, il minimo da tre mesi esatti. L’accelerazione della tendenza al ribasso dipende in parte dai fondi di investimento che dopo aver messo il vento in poppa alle quotazioni del greggio nella prima parte dell’anno, adesso stanno moltiplicando le scommesse al ribasso: un fenomeno che rischia di accelerare la correzione in atto, così come l’accumulo di posizioni rialziste aveva favorito l’eccezionale da meno di 30 dollari al barile in gennaio a oltre 50 dollari ai primi di giugno. Le inquietudini riguardano soprattutto i prodotti raffinati, che si stanno accumulando a un ritmo impressionante.

Fonte: Il Sole 24Ore – Sissi Bellomo (pag. 5)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]