Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I fondi liquidano e petrolio crolla del 5%
09/03/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’ennesimo aumento delle scorte di greggio negli Usa ha dato il via a liquidazioni da parte dei fondi, che avevano accumulato posizioni rialziste da record, e il prezzo del barile è crollato del 5% ai minimi dell’anno. Dopo aver testato importanti soglie tecniche, che fanno temere ulteriori ribassi, il Brent ha chiuso a 53,11 $/barile, il Wti a 50,28 $. Secondo l’Eia gli stock di greggio sonoi saliti di 8,2 milioni di barili la settimana scorsa, mentre sono calati benzine (-6,6 mb) e distillati (-2,7 mb). Ulteriori pressioni sui prezzi sono arrivate dal dollaro forte.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – red (pag. 32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam, accordo con Rina sull'idrogeno

Snam e Rina, primario player globale attivo nel campo dei servizi di testing, ispezione, certificazione e consulenza ingegneristica, hanno sottoscritto un memorandum of understanding per avviare una collaborazione nel settore dell'idrogeno
[leggi tutto…]

Intervista a Fatih Birol: "Petrolio, giusto riunire il G20, se crolla il settore per danni per tutti"

Produttori e consumatori di petrolio allo stesso tavolo per evitare “nell’interesse di tutti il tracolo del settore”
[leggi tutto…]

Gazprom, in gennaio-febbraio export gas -24,6%

Nei primi due mesi del 2020 il colosso russo di Stato Gazprom, monopolista delle esportazioni di gas russo via tubo, ha registrato una flessione su anno dell'export del 24,6%
[leggi tutto…]