Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I fondi liquidano e petrolio crolla del 5%
09/03/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’ennesimo aumento delle scorte di greggio negli Usa ha dato il via a liquidazioni da parte dei fondi, che avevano accumulato posizioni rialziste da record, e il prezzo del barile è crollato del 5% ai minimi dell’anno. Dopo aver testato importanti soglie tecniche, che fanno temere ulteriori ribassi, il Brent ha chiuso a 53,11 $/barile, il Wti a 50,28 $. Secondo l’Eia gli stock di greggio sonoi saliti di 8,2 milioni di barili la settimana scorsa, mentre sono calati benzine (-6,6 mb) e distillati (-2,7 mb). Ulteriori pressioni sui prezzi sono arrivate dal dollaro forte.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – red (pag. 32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi in aumento. Le tensioni sulla Brexit e in Siria aumentano la volatilità

Le quotazioni del petrolio hanno inanellato due sedute positive, nonostante il rafforzamento del dollaro sull'euro.
[leggi tutto…]

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]