Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Al Falih: nell’Opec “accordo iniziale” per prorogare i tagli
21/04/2017 - Pubblicato in news internazionali

All’interno dell’Opec c’è già un «accordo iniziale» per continuare a tagliare la produzione di petrolio nella seconda metà dell’anno, anche se le condizioni del piano sono oggetto di discussione: la proroga potrebbe ad esempio durare solo tre mesi, invece di altri sei, e la riduzione dell’output potrebbe essere meno pesante di quella sopportata finora, visto che i consumi di greggio nel periodo estivo sono più robusti. È il ministro saudita Khalid Al Falih ad alzare – almeno parzialmente – il velo sulle trattative avviate tra i Paesi Opec, la Russia e gli altri alleati esterni all’Organizzazione in vista del vertice del 25 maggio, quando si deciderà se prolungare o meno l’intervento sul mercato. Parlando a margine di una conferenza ad Abu Dhabi, Al Falih ha ammesso che il taglio da 1,8 milioni di barili al giorno, in vigore dal 1° gennaio per sei mesi, si sta rivelando meno efficace del previsto: «Benché ci sia un alto livello di impegno, non abbiamo raggiunto il nostro scopo, che è quello di riportare le scorte alla media degli ultimi cinque anni».

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Sissi Bellomo (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]