Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Exor compra i robot delle estrazioni petrolifere: 103 milioni per Welltec
11/02/2016 - Pubblicato in news nazionali

Exor investe 103,3 milioni per acquisire il 13% di Welltec, leader globale nel campo delle tecnologie robotiche. Welltec - che offre soluzioni affidabili ed efficienti per le attività di manutenzione, pulizia e riparazione dei pozzi di estrazione - ha sede in Danimarca.  L'operazione rientra nella strategia di investimento di Exor - spiega la holding del gruppo Agnelli - che include anche l'acquisizione di quote di minoranza in società dotate di alto potenziale di crescita, con l'obiettivo di sostenere imprenditori di talento nella realizzazione dei loro piani di sviluppo. La decisione di investire nel settore petrolifero sembra una mossa in controtendenza con l'andamento delle società petrolifere. In realtà si spiega proprio con le valutazioni convenienti (i prezzi sono molto bassi), ma anche con i cambiamenti strutturali, che stanno facendo emergere nuove opportunità. Le società del settore hanno manifestato l'esigenza di tagliare gli investimenti e di estendere il ciclo di vita dei pozzi già in funzione, e questo avrà impatti positivi su Welltec: la società danese realizza infatti robot che consentono di migliorare i processi di manutenzione e di estrazione, ottenendo maggiore efficienza e significativi risparmi.

Fonte: Corriere della Sera – Raffaella Polato (pag. 35)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]

Snam guarda agli Emirati e valuta il dossier Adnoc

I piani di crescita di Snam potrebbero condurla sino in Medio Oriente
[leggi tutto…]

Il crac dello shale oil minaccia il mercato corporate mondiale

E’ nelle pianure del Texas la miccia che potrebbe far esplodere la bomba del debito corporate
[leggi tutto…]