Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “L’Europa ha poca energia. Serve una politica comune”
28/01/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Per gli uomini dell’Energia è stata una buona Davos, così ha dichiarato l’ad di Eni Claudio Descalzi “L’atmosfera mi è parsa un po’ più rilassata rispetto agli anni scorsi perché è l’andamento dei fondamentali a guidare il settore petrolifero ed energetico” e continua “Nel 2017 c’è stato un disavanzo di offerta, rispetto alla domanda di greggio, di 500 mila barili di media. Per la prima volta in tre anni questo ha portato a una riduzione delle scorte su anno di circa 160 milioni di barili”. Relativamente al mercato dell’energia l’ad di Eni ha affermato “L’Europa ha un grande mercato, ma è priva di energia ed è una debolezza che non sempre viene considerata come dovrebbe. È necessario favorire la diversificazione delle fonti energetiche e la connessione delle tante infrastrutture su cui si è investito in passato. L’Italia importa circa il 90% del gas, ma è connessa all’Africa attraverso due importanti gasdotti e siano del bacino Mediterraneo che si è dimostrato ricco di gas. Una politica energetica comune europea sarebbe un’opportunità per l’Europa di essere connessa all’Africa e di avere una vera e propria diversificazione e un’opportunità per l’Italia di diventare un eccellente hub.”

Fonte: La Stampa, Economia&Finanza – Marco Zatterin (pag. 18)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]