Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “L’Europa ha poca energia. Serve una politica comune”
28/01/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Per gli uomini dell’Energia è stata una buona Davos, così ha dichiarato l’ad di Eni Claudio Descalzi “L’atmosfera mi è parsa un po’ più rilassata rispetto agli anni scorsi perché è l’andamento dei fondamentali a guidare il settore petrolifero ed energetico” e continua “Nel 2017 c’è stato un disavanzo di offerta, rispetto alla domanda di greggio, di 500 mila barili di media. Per la prima volta in tre anni questo ha portato a una riduzione delle scorte su anno di circa 160 milioni di barili”. Relativamente al mercato dell’energia l’ad di Eni ha affermato “L’Europa ha un grande mercato, ma è priva di energia ed è una debolezza che non sempre viene considerata come dovrebbe. È necessario favorire la diversificazione delle fonti energetiche e la connessione delle tante infrastrutture su cui si è investito in passato. L’Italia importa circa il 90% del gas, ma è connessa all’Africa attraverso due importanti gasdotti e siano del bacino Mediterraneo che si è dimostrato ricco di gas. Una politica energetica comune europea sarebbe un’opportunità per l’Europa di essere connessa all’Africa e di avere una vera e propria diversificazione e un’opportunità per l’Italia di diventare un eccellente hub.”

Fonte: La Stampa, Economia&Finanza – Marco Zatterin (pag. 18)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]