Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Esso, via libera Antitrust a Petrolifera Adriatica per l'acquisto di 135 impianti
31/01/2017 - Pubblicato in news nazionali

Con delibera n. 26332 l'Autorità Antitrust ha deciso di non avviare l'istruttoria, di cui all'articolo 16, comma 4, della legge n. 287/90, sulla acquisizione da parte di Petrolifera Adriatica (controllata al 50% da Goldengas e Brixia Finanziaria) del ramo di azienda di Esso, consistente in 135 impianti di distribuzione di carburanti e commercializzazione di lubrificanti situati in Toscana nelle province di Arezzo, Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa Carrara, Pisa, Prato, Pistoia e Siena. È quanto riporta il Bollettino n. 3 del 30 gennaio. L'operazione in esame non comporta la costituzione o il rafforzamento di una posizione dominante nei mercati interessati, tale da eliminare o ridurre in modo sostanziale e durevole la concorrenza. In ciascuna delle province considerate, a seguito dell'operazione, Esso e Goldengas (né Petrolifera Adriatica né Brixia detengono alcun impianto) arriverebbero a detenere congiuntamente una quota di mercato in ogni caso ben inferiore al 20%, con l'eccezione delle province di Arezzo e Grosseto nelle quali la quota di mercato congiunta calcolata in base ai volumi erogati supera il 25%.

Fonte:Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]