Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’eolico accelera e il solare frena ma la sfida decisiva è sullo storage
10/07/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

17,6% è la quota del fabbisogno italiano coperta da fonti di energia green. L’Europa aveva spinto affinché si raggiungesse la soglia del 17% entro il 2020. Secondo i dati Gse, nel 2016 per ogni 10 kilowattora consumati, ci sono stati più di 3 kilowattora prodotti da fonti rinnovabili. Le condizioni climatiche hanno però influenzato i dati: in positivo gli impianti eolici; in negativo gli idroelettrici. Andamento altalenante che ritorna anche nei numeri di Anie: un calo nel 2016, rispetto al 2015 del 19% per quanto riguarda le installazioni di rinnovabili che toccano quota 738 MW. Nonostante i passi falsi, la tendenza del fotovoltaico si consoliderà fino a quota 1,5 FGW al 2020. A dare nuovi stimoli all’industria delle rinnovabili è la crescita per i sistemi di accumulo che promettono di cambiare le regole dei sistema elettrico rendendo l’utente finale energicamente autosufficiente. L’Europa è uno dei tre principali mercati dell’energy storage, insieme a Usa e Giappone; il 90% dei progetti europei di accumulo sono divisi tra Germania, Regno Unito e italia. Il futuro energetico è nell’autoconsumo e nella generazione distribuita.

Fonte: La Repubblica, Affari & Finanza – Vito de Ceglia (pag. 38)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]