Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni&Co, major in gara in Iran
22/12/2016 - Pubblicato in news internazionali

A quanto pare nessuno è voluto mancare: sono una cinquantina le compagnie petrolifere internazionali ammesse alla prima gara post-sanzioni bandita da Nioc (National Iranian Oil Company). Tra queste, c’è anche Eni, in buona compagnia tra gli altri, di Total, Shell, BP, Gazpromneft, Hyunday, Cnpc, Lukoil, Omv, Repsol, Tatneft eccetera. Il termine per la presentazione delle candidature è scaduto il 4 dicembre scorso e ieri Nioc avrebbe dovuto pubblicare sul sito la lista dei gruppi pre-qualificati. Lo farà invece nei prossimi giorni, anche se nel frattempo fonti della società hanno confermato numeri e nomi delle major che andranno avanti. Secondo Ali Kardor, managing director di Nioc, 50 compagnie petrolifere internazionali sono virtualmente iscritte alla gara, che offre ben 43 concessioni: 29 giacimenti a olio e gli altri 14 a gas. Tra i requisiti richiesti, oltre a merito di credito, internazionalizzazione ed esperienza nei progetti upstream, c’è anche l’aver già lavorato in Iran, come nel caso di Eni.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]