Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni verso i massimi storici

L'anno prossimo Eni raggiungerà il massimo storico nella produzione di greggio a quota 1,84 milioni di barili al giorno: lo ha detto l'a.d. Claudio Descalzi, illustrando alla comunità finanziaria internazionale a New York i risultati e le prospettive della strategia di trasformazione avviata nel 2014. «In meno di tre anni abbiamo conseguito la più elevata crescita organica dell’industria con un aumento di oltre il 15% della produzione, pari a oltre 250 mila barili al giorno, e siamo vicini a raggiungere il record di produzione della società nonostante una riduzione dei capex del 33% e degli opex del 23%», ha aggiunto Descalzi. Se si considera anche la cessione delle partecipazioni non core nei vari business, la cassa generata complessivamente dalle dismissioni del Cane a sei zampe ha raggiunto i 10 miliardi di euro. La nuova organizzazione societaria, prima tappa del processo che ha consentito di superare il modello divisionale dando vita a una società pienamente integrata, ha accelerato il processo decisionale portando a un risparmio annuo strutturale nei costi generali e amministrativi pari a 700 milioni. Intanto i progetti avviati tra il 2016 e il 2017, uniti a Kashagan e Goliat, produrranno a regime oltre 500 mila barili al giorno e genereranno un cash flow operativo complessivo superiore a 4 mld di euro nel 2018 in uno scenario di prezzi del petrolio pari a 60 dollari al barile.

Fonte: Italia Oggi – Red. (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Energia, tlc, logistica. La riscossa italiana può iniziare dalle reti

Le reti sono state le grandi protagoniste di questa prima fase di emergenza, dimostrando una notevole “resilienza”
[leggi tutto…]

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]