Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni trova accordo su giacimenti in Marocco
10/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

Dopo quasi nove mesi è arrivato il via libera del Marocco al farm-in di Eni nel Rabat deep offshore. Il 30 marzo scorso il Cane a sei zampe aveva siglato con Chariot Oil & Gas un accordo che prevedeva l’assegnazione al colosso oil italiano del ruolo di operatore e una quota del 40% nei permessi esplorativi I-VI nella licenza per l’area localizzata nell’offshore del Marocco. In particolare, al gruppo guidato da Claudio Descalzi erano stati assegnati i diritti di esplorazione su un’area di 10.780 chilometri quadrati, con una profondità d’acqua tra 150 e 3.500 metri. Luce verde, quindi, da Rabat, cosa che fa di Eni l’operatore principale della zona, finora inesplorata, che è considerata promettente dato il recente rinvenimento, in altre aree nell’offshore della costa settentrionale africana, di idrocarburi liquidi.

Fonte: MF - Elena Filippi (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]