Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni trova accordo su giacimenti in Marocco
10/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

Dopo quasi nove mesi è arrivato il via libera del Marocco al farm-in di Eni nel Rabat deep offshore. Il 30 marzo scorso il Cane a sei zampe aveva siglato con Chariot Oil & Gas un accordo che prevedeva l’assegnazione al colosso oil italiano del ruolo di operatore e una quota del 40% nei permessi esplorativi I-VI nella licenza per l’area localizzata nell’offshore del Marocco. In particolare, al gruppo guidato da Claudio Descalzi erano stati assegnati i diritti di esplorazione su un’area di 10.780 chilometri quadrati, con una profondità d’acqua tra 150 e 3.500 metri. Luce verde, quindi, da Rabat, cosa che fa di Eni l’operatore principale della zona, finora inesplorata, che è considerata promettente dato il recente rinvenimento, in altre aree nell’offshore della costa settentrionale africana, di idrocarburi liquidi.

Fonte: MF - Elena Filippi (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]