Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni tratta la cessione di Versalis
18/12/2015 - Pubblicato in news nazionali

Secondo quanto riferito dai sindacati all'agenzia Reuters, il cda del colosso oil deciderà di andare avanti nella due diligence con il fondo americano per la cessione della maggioranza di Versalis. Da ieri, oltre un migliaio di persone stanno manifestando sotto la sede di Eni  a San Donato. La società chimica di Eni , secondo i rappresentanti sindacali, ha infatti bisogno di ulteriori investimenti per 1,2 miliardi di euro per passare alla chimica verde e i sindacati temono che questo fondo non abbia la capacità finanziaria per portarli avanti. Anzi, ha aggiunto Miceli, "ci è stato detto dai vertici dell'azienda che SK Capital ha chiesto a Eni  di abbandonare i progetti di chimica verde". L'ipotesi attualmente al vaglio del cda di Eni  a quanto pare prevede la vendita almeno del 70% di Versalis, quindi Eni  manterrebbe una quota del 30%, con il vincolo di un ad italiano. I sindacati, invece, chiedono che a fianco del 30% detenuto da Eni , lo Stato intervenga tramite la Cassa depositi e prestiti ed entri nell'azionariato di Versalis. Secondo le ultime indiscrezioni il valore di Versalis può raggiungere 1 miliardo di euro, portando quindi a 700 milioni circa le potenziali entrate per Eni.

Fonte: Mialno Finanza

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]