Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni si tiene la chimica
16/03/2017 - Pubblicato in news nazionali

Eni non prevede né aggregazioni né cessioni nell’attività della chimica. Descalzi ha fornito indicazioni sulla cessione del 25% dell’Area 4 in Mozambico a ExxonMobil, operazione ritenuta importante perché Eni è riuscita a monetizzare, incassando 2,8 miliardi di dollari in anticipo rispetto all’inizio della produzione con una grossa plusvalenza. Descalzi sottolinea come tutti in questo momento vendono asset produttivi mentre Eni vende asset esplorativi, e vengono venduti alle prime società petrolifere del mondo: ExxonMobil, Bp, Cnpc e Rosneft

Fonte: Italia Oggi – Red. (pag. 37)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Oil, cinema e reti gas, dove la Cina apre (ma non troppo)

Aperture nella manifattura avanzata, nel settore estrattivo, nei trasporti e nell’intrattenimento entreranno in vigore in Cina dal 30 luglio.
[leggi tutto…]

La guerra delle petroliere. Londra minaccia Teheran

Stessa scena del 4 luglio, ma stavolta sono i pasdran mascherati che da un elicottero atteranno sulla petroliera britannica e sequestrano la nave che aveva appena varcato lo stretto di Hormuz.
[leggi tutto…]

Eni, dal Parlamento tunisino ok ad accordo per diritti di transito Ttpc

Il Parlamento tunisino ha ratificato l’accordo con Ttpc, controllata di Eni, per il transito attraverso il Paese nordafricano del gas di provenienza algerina.
[leggi tutto…]