Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni svaluta gli asset in Venezuela
10/05/2017 - Pubblicato in news internazionali

Pdvsa, campione del petrolio  venezuelano, ha debiti per oltre 20 miliardi di dollari. Il paese è allo stremo. I beni di prima necessità scarseggiano da quando i proventi del greggio si sono dimezzati. I partner stranieri seguono con preoccupazione gli sviluppi e lo stato di salute di Pdvsa: tra questi Eni e Saipem. Il gruppo guidato da Descalzi non ha subito stop e sta lavorando alle perforazioni nel giacimento di olio pesante Junin 5 (Eni ha il 40%) e nella Faja dell’Orinoco nel blocco Cardon IV (Eni ha il 50%). Eni si vuole tutelare: se in Venezuela il banco dovesse saltare, Eni potrebbe rivalersi sulle quote di produzione dei partner in default o subentrare nei diritti. Il management di Eni annota che è possibile che nei futuri bilanci il gruppo possa incorrere in nuove perdite su tali esposizioni.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]

Non solo Tap: il gas dell’Est all’assalto della Puglia

Non si è ancora sopita la polemica contro il Tap, che già si profilano altri gasdotti in Puglia.
[leggi tutto…]