Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni rinnova la World Oil and Gas Review
22/07/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Eni presenta rinnovata la 16esima edizione della World Oil and Gas Review, la rassegna statistica mondiale su riserve, produzione e consumi di petrolio e gas. In questa edizione, un particolare focus è dedicato alla qualità dei greggi e al settore della raffinazione. Ma non solo, per la prima volta, è inclusa una sezione dedicata alle fonti rinnovabili: biocarburanti, eolico e solare. Per questo motivo, la Review è divisa in due volumi distinti: la World Oil Review e la World Gas & Renewables Review, che sarà pubblicata in autunno. Nella Review petrolifera, già disponibile, si legge che nel 2016 le riserve di greggio sono leggermente aumentate (+0,2%) principalmente per effetto del contributo di riserve addizionali in Iraq. I paesi Opec confermano il primato per riserve possedute (pari al 74% del totale mondiale), con il Venezuela al primo posto per l'importante contributo dell'Orinoco Belt. La produzione petrolifera mondiale rimane pressoché allo stesso livello del 2015 (+0,3%). Tra i grandi produttori, gli Stati Uniti, la Cina e il Venezuela hanno mostrato la diminuzione più significativa mentre i paesi OPEC del Medio Oriente, guidati da Iran, Iraq e Arabia Saudita, hanno segnato un altro record annuale in termini di crescita. In linea con l'evoluzione della produzione, emerge una discontinuità significativa in termini di qualità del greggio rispetto al 2015. La diminuzione del tight oil in USA ha determinato la diminuzione della categoria Light & Sweet, mentre una produzione superiore dei paesi OPEC del Medio Oriente ha comportato un aumento della categoria Medium & Sour. Quest'anno è stato incluso un nuovo capitolo sui bilanci regionali del greggio. Il surplus in Medio Oriente rimane il più alto e in ulteriore incremento nel 2016. Il deficit più ampio è nella regione Asia e Pacifico, dove la domanda di greggio continua a crescere, mentre il Nord America ha dimezzato il proprio deficit a causa dell'incremento della produzione nazionale. La domanda mondiale di petrolio è cresciuta dell'1,7%, a un tasso inferiore a quello del 2015 (2,2%), quando i prezzi del petrolio erano scesi drasticamente. Tuttavia, la crescita rimane ben al di sopra della media degli ultimi cinque anni (2011-2015) pari all'1,5%. Per il secondo anno consecutivo, i paesi OCSE hanno contribuito positivamente alla crescita globale, tuttavia i paesi non OCSE continuano a trainare la domanda con oltre il 75% dell'incremento. La capacità di raffinazione mondiale è aumentata di 1,5 milioni di b/g guidata da Medio Oriente e Asia, dove è aumentata complessivamente di 1 milione b/g. In Europa, il processo di razionalizzazione iniziato nel 2009 si è quasi arrestato grazie al rafforzamento dei margini di raffinazione.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]