Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni si rafforza in Russia
18/05/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Eni e la compagnia petrolifera del governo russo Rosneft hanno esteso l’accordo di cooperazione. Intesa firmata ieri a Sochi da Descalzi e Sechin, alla presenza di Gentiloni e Putin. Così Eni si rafforza in Russia operando nell’ambito dei settori exploration&production, raffinazione, trading, logistica, marketing, petrolchimica e settori tecnologico e innovazione. Eni ha sottoscritto ieri anche l’intesa con Conoe (Consorzio Nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti). Per trasformare oli vegetali in biocarburanti. L’accordo consente di mettere in atto un circuito virtuoso di economia circolare. Conoe si impegna a invitare tutte le aziende di rigenerazione aderenti al consorzio a fornire a Eni l’olio esausto raccolto per immetterlo negli impianti della bioraffineria di Venezia, primo esempio al mondo di conversione da raffineria a bioraffineria. Da maggio 2014 l’impianto produce green diesel, green nafta, green Gpl e green jet fuel, alimentato da olio di palma. Grazie a questo accordo l’olio di palma verrà sostituito con oli vegetali esausti e dalle cosiddette materie prime advanced, quali l’olio da alghe e da rifiuti.

Fonte: ItaliaOggi, Mercati&Finanza – Red. (pag.27)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]