Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni si rafforza in Russia
18/05/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Eni e la compagnia petrolifera del governo russo Rosneft hanno esteso l’accordo di cooperazione. Intesa firmata ieri a Sochi da Descalzi e Sechin, alla presenza di Gentiloni e Putin. Così Eni si rafforza in Russia operando nell’ambito dei settori exploration&production, raffinazione, trading, logistica, marketing, petrolchimica e settori tecnologico e innovazione. Eni ha sottoscritto ieri anche l’intesa con Conoe (Consorzio Nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti). Per trasformare oli vegetali in biocarburanti. L’accordo consente di mettere in atto un circuito virtuoso di economia circolare. Conoe si impegna a invitare tutte le aziende di rigenerazione aderenti al consorzio a fornire a Eni l’olio esausto raccolto per immetterlo negli impianti della bioraffineria di Venezia, primo esempio al mondo di conversione da raffineria a bioraffineria. Da maggio 2014 l’impianto produce green diesel, green nafta, green Gpl e green jet fuel, alimentato da olio di palma. Grazie a questo accordo l’olio di palma verrà sostituito con oli vegetali esausti e dalle cosiddette materie prime advanced, quali l’olio da alghe e da rifiuti.

Fonte: ItaliaOggi, Mercati&Finanza – Red. (pag.27)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Elettricità e gas, i numeri UE sul primo trimestre

La combinazione delle misure di confinamento per la pandemia e di condizioni meteorologiche insolitamente buone ha determinato un'estrema volatilità nel primo trimestre 2020 sui mercati europei dell'energia
[leggi tutto…]

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]