Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni rafforza la partnership con Sonangol
05/11/2015 - Pubblicato in news internazionali

E' quanto annuncia una nota del Cane a sei zampe. Durante l'incontro, "che ha sancito un ulteriore rafforzamento della partnership strategica e operativa tra le due società, è stato confermato l'impegno a proseguire nelle attività di valorizzazione del gas per uso domestico prodotto da Eni in Angola, per favorire l'accesso all'energia e per il supporto all'economia locale". In particolare, le due società completeranno nei prossimi mesi la valutazione di progetti di sviluppo di campi a gas nell'offshore angolano del bacino del Basso Congo. Il gas sarà poi destinato alla generazione di energia elettrica nel Paese, fino ad un potenziale di 1,5 GW. Inoltre, nell'ambito delle attività downstream, "Eni supporterà Sonangol per la definizione del progetto della raffineria di Lobito, che sarà sviluppato nei prossimi mesi". "Queste iniziative beneficeranno del patrimonio di esperienze e di conoscenze tecniche di Eni nelle attività di esplorazione, sviluppo e produzione delle risorse a gas a livello mondiale e del presidio di Sonangol nella catena del valore del gas e dei prodotti petroliferi nell'industria angolana", spiega la nota.

 

Fonte: Il Sole 24 ore, Finanza & mercati

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]