Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, sul piano la spinta di produzione e scoperte
02/03/2017 - Pubblicato in news nazionali

In attesa che il prezzo del greggio inverta stabilmente la rotta, Eni procede lungo la direzione che l’ad, Claudio Descalzi, ha impresso fin dal suo arrivo alla guida del gruppo, puntando ancora sul suo motore principale, l’upstream, che continua a correre a pieni giri – grazie alla rifocalizzazione su progetti ad alto valore aggiunto -, sulla solida generazione di cassa e sul traino costante delle nuove scoperte, e portando a compimento la ristrutturazione degli altri business che sono tornati a fornire un contributo positivo e dove il prossimo passo è la creazione di un braccio ad hoc per il segmento retail gas. E’ questo il cuore del piano strategico 2017-2020 che il ceo, affiancato dalla presidente Marcegaglia ha illustrato ieri confermando una cedola di 80 cent per il 2017 con la promessa di una politica di distribuzione crescente, in linea con il rialzo degli utili e con un occhio allo scenario. Dunque, la spinta principale continuerà a pervenire dall’upstream dove, la produzione di idrocarburi crescerà ancora del 3% medio annuo nell’arco di piano supportata dal progressivo aumento della stessa e dall’avvio di nuovi progetti, nonché dall’ottimizzazione esistente. L’esplorazione rimane il grosso driver di Eni, pronta a fare anche meglio del piano precedente avendo già rinvenuto dal 2008 a oggi 13 miliardi di barili. E ora, da qui al 2020, il gruppo prevede di mettere in cascina 2-3 miliardi di nuovi barili, il doppio dell’asticella fissata.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Celestina Dominelli (pag. 27)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]