Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta
16/03/2019 - Pubblicato in news internazionali

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno. Dall’altro lato, Eni vuole incrementare la quota di energia prodotta tramite rinnovabili e dare un contributo alla decarbonizzazione cominciando con l’azzeramento  - entro il 2030 – delle emissioni di CO2 da tutti i suoi giacimenti. Lo farà in parte intervenendo con un vasto programma di “forestazione” in modo tale che le emissioni vengano pareggiate con il contributo delle piante messe a dimora. Si tratta oltre 80mila chilometri quadrati di foreste che verranno realizzate in Africa (Ghana, Malawi, Zimbabwe e Africa del Sud). Ecco allora che il nuovo piano prevede un aumento del dividendo costante nel tempo per riuscire a gestire le imprese: si parte già nel 2019 con la cedola che salirà del 3,6% a 0,86 euro per azione. In tema di transizione verso un’energia più pulita, non vanno trascurati gli investimenti nel gas sui 33 miliardi complessivi del piano. Eni infatti vuole raggiungere i 14 milioni di tonnellate di gas naturale liquefatto al 2022 e i 16 milioni al 2025.

Fonte: La Repubblica, Economia & Finanza – Luca Pagni (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]