Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni più forte nel Mediterraneo: scoperta “promettente” a Cipro
09/02/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Il maxi giacimento di Zohr, sviluppato in tempi da primato al largo dell’Egitto, ha appena cominciato a produrre gas e Eni ha già annunciato una nuova “promettente” scoperta nelle acque del Mediterraneo Orientale. Stavolta protagonista è Cipro, dove la compagnia italiana ha perforato insieme ai francesi di Total il pozzo Calypso 1, riscontrando un’estesa colonna mineralizzata a gas metano. Non è ancora disponibile una stima precisa delle riserve di Calypso. Secondo indiscrezioni circolate sui media ciprioti potrebbe esserci un potenziale di 170-230 miliardi di metri cubi (bcm), superiore quindi a 128 bcm di riserve di Aphrodite, l’altra scoperta in acque cipriota (2011). Eni si appresta a mettere una pedina anche in Libano. Proprio a Beirut ci sarà la cerimonia per la firma di due contratti, entrambi assegnati a dicembre al consorzio italo-francese-russo. La Turchia contesa i modo sempre più insistente i diritti di Nicosia sul tratto di mare interessato, ma ha condotto esercitazioni navali militati a poca distanza dalle attività di preformazione della Saipem 12000.

Fonte:Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]