Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni non ha paura del minibarile
11/04/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Road show americano per Eni. Il Gruppo guidato da Descalzi ha presentato ieri alla comunità finanziaria americana la strategia 2018-2021 già recentemente illustrato a Londra. Il gruppo petrolifero ha presentato al Nyse, la borsa di Wall Street dove sono anche quotate le sue azioni, i risultati della trasformazione avviata nel 2014 e gli obiettivi per il futuro all’insegna dell’integrazione interna, dell’efficienze, della disciplina finanziaria e della capacità di crescere e creare valore anche in presenza di scenari di prezzi molto ridotti. La produzione è cresciuta del 4% nel primo trimestre di quest’anno, ovvero in un periodo tradizionalmente più difficile. La previsione di crescita media per i prossimi quattro anni è del 3,5%, con la previsione di scoprire nuove riserve per 2 miliardi di barili. A margine della presentazione Descalzi ha risposto  ad alcuni quesiti su l quadro geopolitico. Sulla possibilità di tornare a un prezzo di 80 dollari al barile, Desclazi ha detto che in un mercato guidata dai fondamentali e dove si stanno riducendo le scorte, se Opec e russi continuano a ridurre di 18 barili al giorno la produzione, allora è possibile arrivare a quei prezzi. Sulla possibilità dello shale oil Usa di fermare questo trend, Descalzi chiarisce che è pari solo al 5% della domanda, mentre la richiesta sta crescendo di 1,6 milioni di barili la giorno nel mondo.

Fonte: MF – Andrea Fiano (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]