Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni non ha paura del minibarile
11/04/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Road show americano per Eni. Il Gruppo guidato da Descalzi ha presentato ieri alla comunità finanziaria americana la strategia 2018-2021 già recentemente illustrato a Londra. Il gruppo petrolifero ha presentato al Nyse, la borsa di Wall Street dove sono anche quotate le sue azioni, i risultati della trasformazione avviata nel 2014 e gli obiettivi per il futuro all’insegna dell’integrazione interna, dell’efficienze, della disciplina finanziaria e della capacità di crescere e creare valore anche in presenza di scenari di prezzi molto ridotti. La produzione è cresciuta del 4% nel primo trimestre di quest’anno, ovvero in un periodo tradizionalmente più difficile. La previsione di crescita media per i prossimi quattro anni è del 3,5%, con la previsione di scoprire nuove riserve per 2 miliardi di barili. A margine della presentazione Descalzi ha risposto  ad alcuni quesiti su l quadro geopolitico. Sulla possibilità di tornare a un prezzo di 80 dollari al barile, Desclazi ha detto che in un mercato guidata dai fondamentali e dove si stanno riducendo le scorte, se Opec e russi continuano a ridurre di 18 barili al giorno la produzione, allora è possibile arrivare a quei prezzi. Sulla possibilità dello shale oil Usa di fermare questo trend, Descalzi chiarisce che è pari solo al 5% della domanda, mentre la richiesta sta crescendo di 1,6 milioni di barili la giorno nel mondo.

Fonte: MF – Andrea Fiano (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]