Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni: “Partner in Egitto? Non è la priorità”
15/10/2015 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

II numero uno di Eni, Claudio Descalzi, conferma la tabella di marcia per Zohr, il mega-giacimento scoperto oltre un mese fa in Egitto, e avverte che per ora il gruppo del Cane a sei zampe non è alla ricerca di partner. «Bisogna capire quale partner e quando, ma la priorità per noi adesso è riuscire a finalizzare il progetto, farlo approvare e partire», ha spiegato l’ad a margine della sua audizione ieri alla commissione Esteri del Senato. «C'è una necessità per l'Egitto di avere il gas il prima possibile- ha ribadito Descalzi - altre cose le vedremo, ma non sono così impellenti e necessarie». Il giacimento supergiant di Zohr nell'offshore egiziano del Mar Mediterraneo, con un potenziale di risorse fino a 850 miliardi di metri cubi di gas in posto e un'estensione di circa 100 chilometri quadrati, rappresenta la più grande scoperta di gas mai effettuata in Egitto e nel Mar Mediterraneo. E per Descalzi può fare del Paese africano il fulcro di un hub del gas nel Mediterraneo dell'Est, creando un corridoio di export verso l'Europa e l'Italia. Uno scenario, questo, tracciato durante l'audizione in Senato che per l’ad di Eni vede anche un ruolo sempre più strategico per il nostro Paese: «Perché abbiamo le ha spiegato - e perché abbiamo una capacità in eccesso, circa 100 miliardi di metri cubi di gas usandone 65 miliardi e quindi si può esportare con un reverse flow verso la Svizzera, l'Austria e la Germania».

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Mar. B. (pag. 33)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]