Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, otto mesi per pagare Astana
03/02/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Settembre è la deadline per Eni e gli altri partner di Kpo per saldare un conguaglio fiscale di 1,6 miliardi al governo del Kazakhistan. Kpo è il consorzio che sviluppa il giacimento di Karachaganak ed è guidato da Eni e Shel, ciascuno con una quota pari al 29,5%. La produzione ammonta a 78,8 milioni di barili secondo una statistica di metà 2016, quindi c’è stato un aumento dell’11,3% rispetto all’anno precedente. Si tratta del 45% del totale del gas prodotti in Kazakhistan. Nonostante il ministro dell’economia si sia dimostrato disponibile a prorogare il termine ultimo, è comunque arrivato l’ultimatum: offerta soddisfacente o arbitrato. L’offerta apprezzata sembrerebbe di 470 milioni da parte sia di Eni sia di Shell.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, col rally dei prezzi olandesi l'Italia esporta (poco: 6 mln mc)

Con la corsa delle quotazioni del gas al Ttf olandese, che come già visto hanno superato in ottobre quelle italiane per diversi giorni, si sono visti anche piccoli quantitativi di gas esportati dall'Italia in direzione del Nord Europa
[leggi tutto…]

Aggiornamento legislativo 10-16 ottobre 2020

Monitoraggio legislativo
[leggi tutto…]

La Russia rilancia la proposta di una Opec del gas

Un’Opec anche per il gas, che consente ai grandi produttori di coordinarsi per tagliare l’offerta e sostenere i prezzi.
[leggi tutto…]