Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, otto mesi per pagare Astana
03/02/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Settembre è la deadline per Eni e gli altri partner di Kpo per saldare un conguaglio fiscale di 1,6 miliardi al governo del Kazakhistan. Kpo è il consorzio che sviluppa il giacimento di Karachaganak ed è guidato da Eni e Shel, ciascuno con una quota pari al 29,5%. La produzione ammonta a 78,8 milioni di barili secondo una statistica di metà 2016, quindi c’è stato un aumento dell’11,3% rispetto all’anno precedente. Si tratta del 45% del totale del gas prodotti in Kazakhistan. Nonostante il ministro dell’economia si sia dimostrato disponibile a prorogare il termine ultimo, è comunque arrivato l’ultimatum: offerta soddisfacente o arbitrato. L’offerta apprezzata sembrerebbe di 470 milioni da parte sia di Eni sia di Shell.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Primi carichi di Gnl Usa respinti in Europa

L’Europa sembrava in grado di assorbire ogni eccesso di gas liquefatto
[leggi tutto…]

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]