Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni mette il turbo sul Nilo
13/09/2016 - Pubblicato in news internazionali

In anticipo sui tempi, Eni ha raggiunto nel giacimento offshore di Nooros (Egitto) una produzione di 20 milioni di metri cubi di gas al giorno, che corrispondono a 128 mila barili di olio equivalente, di cui 67 mila in quota Cane a Sei Zampe. La produzione record è oggi assicurata da sette pozzi, ma con la perforazione dei nuovi si prevede che il campo possa raggiungere una massima capacità produttiva di circa 160 mila barili di olio equivalente al giorno nella primavera dell’anno prossimo. Ma le novità non finiscono qui. Ieri Qatar Petroleum ha manifestato interesse (insieme a Exxon Mobil) per le attività di Eni in Mozambico, metà delle quali finirà sul mercato nell’ambito di una dismissione di asset per 5 miliardi in due anni. Il titolo Eni a Piazza Affari ha chiuso al ribasso. A pesare sul titolo sono state soprattutto le dichiarazioni dell’ad della società petrolifera statale kazaka, KazMunayGaz, il quale ha detto che la produzione di greggio nel gigantesco giacimento di Kashagan comincerà a novembre, in leggero ritardo rispetto al mese di ottobre indicato in precedenza.

Fonte: MF – Francesco Colamartino (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]