Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni mette il turbo sul Nilo
13/09/2016 - Pubblicato in news internazionali

In anticipo sui tempi, Eni ha raggiunto nel giacimento offshore di Nooros (Egitto) una produzione di 20 milioni di metri cubi di gas al giorno, che corrispondono a 128 mila barili di olio equivalente, di cui 67 mila in quota Cane a Sei Zampe. La produzione record è oggi assicurata da sette pozzi, ma con la perforazione dei nuovi si prevede che il campo possa raggiungere una massima capacità produttiva di circa 160 mila barili di olio equivalente al giorno nella primavera dell’anno prossimo. Ma le novità non finiscono qui. Ieri Qatar Petroleum ha manifestato interesse (insieme a Exxon Mobil) per le attività di Eni in Mozambico, metà delle quali finirà sul mercato nell’ambito di una dismissione di asset per 5 miliardi in due anni. Il titolo Eni a Piazza Affari ha chiuso al ribasso. A pesare sul titolo sono state soprattutto le dichiarazioni dell’ad della società petrolifera statale kazaka, KazMunayGaz, il quale ha detto che la produzione di greggio nel gigantesco giacimento di Kashagan comincerà a novembre, in leggero ritardo rispetto al mese di ottobre indicato in precedenza.

Fonte: MF – Francesco Colamartino (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]