Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni mette in cassa 5,4 miliardi
29/10/2015 - Pubblicato in news nazionali

“Questo per Eni è un passo epocale. E gli investitori lo hanno capito e apprezzato”. Il passo epocale è quello che ha portato l’ad Claudio Descalzi alla firma dell'accordo di cessione del 12,5% della controllata Saipem al Fondo Strategico Italiano, controllato da Cdp. A passare di mano sono 55.176.364 azioni della società ingegneristica, così che il Cane a sei zampe scenderà dal 43% intorno al 30% del capitale. Un altro 12,5% più un'azione sarà apportato da Eni al patto di sindacato col Fondo, vincolato da un lock up di tre anni, ma col vantaggio immediato di deconsolidare il debito della (ex) controllata. Nell’intervista Descalzi dichiara che con la cessione di questo primo pacchetto “abbiamo già chiuso una pagina”. E prosegue: “Pensare a una riduzione ulteriore della nostra partecipazione è ragionevole, ma non a breve. Vogliamo valorizzare la quota restante: aspetteremo che il titolo Saipem torni ad apprezzarsi, poi decideremo”.

Fonte: MF

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]