Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, impegno concreto per l’energia pulita. Il futuro è già presente
13/06/2017 - Pubblicato in news nazionali

La necessità di ridurre le emissioni di gas serra, testimoniata ancora una volta dal G7 dell’Ambiente di Bologna, può diventare una grande occasione di crescita tecnologica e di business. È questa la sfida che Eni ha accettato per cogliere nuove opportunità con l’obiettivo finale di trasformarsi da Oil & Gas Company a Energy Company, cioè diventare un’azienda energetica pienamente integrata. A questo scopo il gruppo del Cane a sei zampe ha definito una strategia integrata di lungo termine che coniuga solidità finanziaria e sostenibilità del business, fondata su tre linee guida: un percorso di de carbonizzazione sancito dall’accordo Cop21 di Parigi, un modello operativo che minimizza i rischi e gli impatti ambientali e sociali, un modello di cooperazione con i Paesi ospitanti. «È fondamentale prendersi chiari impegni per il raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione ed Eni lo ha fatto delineando una strategia  che si basa sulla riduzione delle emissioni di anidride carbonica e l’aumento dell’efficienza energetica di tutte le attività, sul consolidamento di un portafoglio low carbon e la promozione dell’utilizzo del gas, sullo sviluppo delle rinnovabili», ha dichiarato l’ad del gruppo, Claudio Descalzi. Uno dei pilastri della strategia è lo sviluppo di nuovi sistemi per rendere più sostenibile il gas naturale, fonte energetica decisiva nella transizione verso le rinnovabili e ponte verso un futuro low carbon. Da un lato Eni si è attivata per aumentare la resa economica nei processi di trattamento e conversione del gas. Dall’altro lato, è stata dedicata la massima attenzione ai processi di conversione del gas in prodotti liquidi, in particolare per ottenere metanolo, commodity utilizzabile come carburante e materia prima per l’industria chimica.

Fonte: Il Giornale – Onofrio Lopez (pag. 28)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]