Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni-Gazprom, Descalzi a San Pietroburgo a parlare di Corridoio Sud
06/12/2016 - Pubblicato in news internazionali

L'amministratore delegato di Gazprom, Alexei Miller, ha incontrato ieri l'amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi. Nel corso dell'incontro, si è discusso delle dinamiche del mercato del gas in Italia e delle prospettive dell'approvvigionamento italiano ed europeo di gas proveniente dalla Russia anche da fonti alternative. Le due società hanno ribadito la stretta collaborazione nell'ambito del mercato del gas ed avviato discussioni approfondite su soluzioni infrastrutturali e di fornitura gas per il mercato italiano ed europeo dal corridoio sud. Sul cosiddetto corridoio Sud Eni e Gazprom hanno a lungo portato avanti il progetto di Gasdotto South Stream per l'approdo in Europa meridionale di gas russo aggirando l'Ucraina e attraversando il Mar Nero. Il progetto era posi stato cancellato dalla parte russa, anche per gli ostacoli posti dalla Commissione europea aggravatisi con lo scoppio della crisi ucraina, ed era in seguito stato sostituito da Turskish Stream, tubo con approdo al confine turco-greco che con South Stream condivide parte del tracciato.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]