Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Eni si espande negli Emirati Arabi. Più stretti i legami con il Medio Oriente
27/01/2019 - Pubblicato in news internazionali

È l’ultima mossa della “strategia mediorientale” di Eni. Dopo aver chiuso solo pochi giorni fa una lunga serie di accordi nella penisola arabica, il Cane a sei zampe non si è fermato. Alle intese con Bahrain, Oman e gli Emirati ha fatto seguito un altro passo: l’acquisto, sempre ad Abu Dhabi, del 20% del quarto più grande complesso mondiale della raffinazione con una spesa di 3,3 miliardi di dollari. Non sarà da sola. Anche l’austriaca Omv rileverà un altro 15%. Con la firma dell’accordo (presente il premier Giuseppe Conte) l’Eni incrementa di più di un terzo la capacità di raffinazione e, soprattutto, potrà resistere meglio alle variazioni del prezzo del petrolio, ultimamente instabile. Ma ci sono più livelli di lettura delle intese: il primo è industriale: per l’Eni il Medio Oriente e la penisola arabica diventano un’area di interesse di prim’ordine. C’è poi l’aspetto della politica internazionale. Stringere i legami con gli Emirati significa anche approfondire relazioni con cui fare leva in altri scenari, come la Libia.

Fonte: Corriere della Sera – Stefano Agnoli (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]