Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Eni si espande negli Emirati Arabi. Più stretti i legami con il Medio Oriente
27/01/2019 - Pubblicato in news internazionali

È l’ultima mossa della “strategia mediorientale” di Eni. Dopo aver chiuso solo pochi giorni fa una lunga serie di accordi nella penisola arabica, il Cane a sei zampe non si è fermato. Alle intese con Bahrain, Oman e gli Emirati ha fatto seguito un altro passo: l’acquisto, sempre ad Abu Dhabi, del 20% del quarto più grande complesso mondiale della raffinazione con una spesa di 3,3 miliardi di dollari. Non sarà da sola. Anche l’austriaca Omv rileverà un altro 15%. Con la firma dell’accordo (presente il premier Giuseppe Conte) l’Eni incrementa di più di un terzo la capacità di raffinazione e, soprattutto, potrà resistere meglio alle variazioni del prezzo del petrolio, ultimamente instabile. Ma ci sono più livelli di lettura delle intese: il primo è industriale: per l’Eni il Medio Oriente e la penisola arabica diventano un’area di interesse di prim’ordine. C’è poi l’aspetto della politica internazionale. Stringere i legami con gli Emirati significa anche approfondire relazioni con cui fare leva in altri scenari, come la Libia.

Fonte: Corriere della Sera – Stefano Agnoli (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rivede lo scenario e annuncia rettifiche per 3,5 miliardi

Eni conferma la propria strategia di decarbonizzazione al 2050, ma dopo l’aggiornamento di fine marzo, rivede ulteriormente le proprie stime alla luce dell’emergenza coronavirus
[leggi tutto…]

Snam, sprint su rete e progetti

Se c’è un dato che più di altri racconta il potenziale di Snam sul fronte dell’idrogeno è che il 70% dei suoi metanodotti è realizzato con tubi pronti ad accoglierne il passaggio. Non a caso, ad aprile 2019, la soci
[leggi tutto…]

L’idrogeno dà prospettiva a Snam

Snam avrà un ruolo crescente nella transizione energetica basata anche sull’idrogeno
[leggi tutto…]